Scheda struttura

indietro Indietro DIPARTIMENTO MOBILITA', QUALITA' URBANA, OPERE PUBBLICHE, ECOLOGIA E PAESAGGIO

SEZIONE TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PAESAGGIO

DIRIGENTE DI SEZIONE: BARBARA LOCONSOLE

Descrizione e competenze

 attraverso l'Osservatorio del paesaggio, istituito con LR 20/2009 in adempimento al DLgs 42/2004 art. 133, svolge studi, analisi e ricerche sul paesaggio e sui beni culturali della Regione, avvalendosi del supporto del sistema universitario e di ricerca regionale e della collaborazione degli uffici ministeriali periferici preposti alla tutela;  formula proposte per la definizione delle politiche di conservazione e valorizzazione del paesaggio ai sensi dell’articolo 137 del d.lgs. 42/2004;  favorisce lo scambio di conoscenze e la cooperazione tra le amministrazioni pubbliche statali e locali, le università e gli organismi di ricerca, i settori professionali, l’Osservatorio nazionale per la qualità del paesaggio e la società civile soprattutto allo scopo di promuovere un uso consapevole del territorio e la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio paesaggistico e culturale della regione;  promuove attività di sensibilizzazione della società pugliese finalizzate alla salvaguardia e al recupero dei valori espressi dal patrimonio paesaggistico culturale e identitario anche attraverso l'attività degli Ecomusei di cui alla LR 15/2011;  promuove e incentiva la tutela e valorizzazione delle opere di architettura moderna e contemporanea (anche ai sensi della LR 14/2008) integrandole nelle politiche di tutela attiva del paesaggio;  attraverso una costante attività di monitoraggio, acquisisce ed elabora informazioni sullo stato e sull’evoluzione del paesaggio al fine del periodico aggiornamento ed eventuale variazione del PPTR;  cura l'attuazione del piano paesaggistico regionale coordinando le attività inerenti:  rilascio del parere di compatibilità paesaggistica nell’ambito del controllo di compatibilità dei piani urbanistici generali (PUG) e dei PTCP prevista dall’art 11 della L.R. n. 20/2001 partecipando alle Conferenze di copianificazione nonché alle conferenze per il superamento delle ragioni di non compatibilità;  rilascio del parere di compatibilità paesaggistica per l’approvazione delle varianti agli strumenti urbanistici generali;  rilascio di pareri per gli adeguamenti degli strumenti urbanistici generali e territoriali al Piano Paesaggistico;  coordina il rilascio dei pareri di compatibilità paesaggistica, per l’approvazione degli strumenti urbanistici esecutivi;  rilascia autorizzazioni paesaggistiche anche ex post e accertamenti di Compatibilità Paesaggistica ove non delegate ai comuni;  formula proposte alla giunta regionale di delibera per Autorizzazioni in deroga al PPTR;  coordina la espressione di pareri di compatibilità paesaggistica in procedure speciali quali (conferenze di servizi, Autorizzazione unica per l’istallazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, etc). ;  formula proposte alla Giunta Regionale di delega dell’esercizio delle funzioni paesaggistiche a Comuni, Province, associazioni o unioni di comuni ed esercita attività di controllo sugli enti delegati e di supporto e affiancamento alle Commissioni Locali di paesaggio;  coordina il rilascio autorizzazioni, e pareri ai sensi del previgente Piano Paesaggistico (PUTT) nei casi previsti dalla norma transitoria del PPTR (art 106 delle NTA del PPTR);  cura il contenzioso in materia di Paesaggio e conservazione della natura;  è responsabile della Rete Natura 2000 e, a tal fine, cura la promozione e la approvazione dei piani di gestione e il monitoraggio sullo stato di conservazione dei siti, anche mediante coordinamento con le unità organizzative competenti e con gli enti delegati.;  cura le attività di attuazione della programmazione comunitaria e delle azioni del programma triennale dell’ambiente attinenti ai compiti sopra indicati, per la tutela della biodiversità anche ai fini della realizzazione della rete ecologica regionale.  cura le attività inerenti l'attuazione delle politiche della conservazione della natura, attraverso la rete delle aree protette regionali e costituisce coordinamento delle attività dei parchi nazionali e regionali.;  ha la titolarità e responsabilità degli interventi di propria competenza finanziati con risorse del Programma Operativo Fesr 2014/2020, ne cura le procedure di attuazione, nel rispetto del manuale operativo del Programma e delle Direttive Comunitarie in materia;  attua lo sviluppo dei quadri di conoscenza del territorio, dell'ambiente, del sistema infrastrutturale regionale attraverso l'uso del sistema informativo territoriale (SIT) e il continuo aggiornamento della cartografia tecnica di base e del database topografico.

Strutture afferenti

dipendenti