top
footer
cerca
areetematiche
menu
SEI QUI:
Ascolta

Eventi


Settimana di


home 

Banda Ultra Larga

Entro il 2016, la regione Puglia sarà una delle più avanzate realtà italiane con soluzioni tecnologiche di nuova generazione grazie alla connettività con banda ultralarga che sarà realizzata con la posa di nuove infrastrutture in fibra ottica in 148 comuni, oltre i Capoluogo di provincia già coperti dal servizio, per favorire il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea. Grazie a questo importante progetto, l’88% del territorio regionale sarà raggiunto dalla rete NGAN (Next Generation Access Network) ad altissime prestazioni.
La diffusione estesa della Banda Ultralarga sul territorio regionale permette e migliora l’erogazione di servizi on-line per i cittadini e le imprese, la diffusione dell’informazione, la condivisione ed accessibilità del patrimonio regionale, l'inclusione dei cittadini nella vita amministrativa regionale, l’adozione di nuove tecnologie a supporto dell’innovazione e del cambiamento nel campo sociale, sanitario ed economico. Le attività di realizzazione del Programma di interventi per lo sviluppo della Banda Ultra Larga (BUL) nella Regione Puglia si inquadrano nel Progetto Strategico per la BUL approvato dalla commissione Europea (Decisione (2012)9833) e sono previste nell’ambito dell’Accordo di Programma siglato tra il MISE e la Regione Puglia e disciplinate da una Convenzione operativa. L’investimento complessivo è di 95.068.000,00 di euro. Di questi, 61.728.411,35 sono stati resi disponibili dalla Regione Puglia, mentre 33,3milioni sono il cofinanziamento garantito da Telecom Italia, operatore che ha vinto la gara d’appalto attivata dal Ministero dello Sviluppo Economico attraverso Infratel Italia. L’infrastruttura BUL raggiungerà 148 Comuni pugliesi, 547 istituti scolastici e sedi della Pubblica istruzione, 113 sedi di Pubblica Amministrazione Centrale (Istituti di ricerca, Sedi INPS, Ministeri, ecc.), 278 sedi Pubblica Amministrazione Locale (Comuni, Comunità Montane, Consorzi, Enti a struttura associativa, Polizia Municipale, Province, ecc.), 42 sedi di strutture ed enti sanitari (ospedali, Asl, ecc.), 185 sedi delle Forze Armate. L’intervento si rivolge quindi a circa 2,7 milioni di abitanti, attraverso la posa di oltre 5 mila chilometri di fibra ottica. I comuni interessati potranno contare su un’infrastruttura a banda larga che potrà consentire connettività ad almeno 30 Mbps. I Comuni oggetto dell'intervento sono stati individuati dopo una consultazione pubblica per recepire le esigenze degli interessati, tra quelli nelle cosiddette Aree Bianche, cioè nei quali il mercato non ritiene di dover investire direttamente perché non economicamente interessante. Attraverso la collaborazione con Unioncamere, è stato elaborato un modello socio economico che ha prodotto un indicatore complesso in grado di valutare, sulla base di alcuni fattori, l'attrattività del territorio e massimizzare così l'investimento. Questo progetto sarà completato entro giugno 2016, mentre il completamento della copertura dell’intero territorio sarà oggetto di nuovi interventi regionali. Il coordinamento delle attività è curato dal Servizio Innovazione e Ricerca Industriale della Regione Puglia e dalla propria società in house InnovaPuglia Spa.

Ultimi contenuti

BANDA ULTRA LARGA IN PUGLIA: UN INVESTIMENTO DI 95 MILIONI DI EURO

mercoledì, 25 feb 2015 - 10:39

Presentato a Bari il programma per la realizzazione della rete di nuova generazione in fibra ottica, che ha l’obiettivo di fornire connettività con banda ultralarga in 148 nuovi... Leggi Ancora »